Menù di navigazione+

A Scuola di Open Coesione @ IPSIA Castigliano



Scritto da Stefano Leucci il 8 dicembre 2015
Categoria #MonferratoDigitale Progetti Progetti in corso | Tags: , , , , , | nessun commento


asoc_castigliano_asti

Dopo Dalle Colline d’Europa, il percorso di sensibilizzazione europea svolto nell’anno scolastico 2014/2015 con l’Istituto Monti di Asti, quest’anno abbiamo deciso di partecipare al progetto nazionale A Scuola  di Open Coesione. Accompagneremo il gruppo di ragazzi dell’IPSIA Castigliano di Asti, selezionati in base a criteri di merito e di buona condotta, continuando così a diffondere la cultura europea e digitale all’interno del territorio del Monferrato.

 

Ecco il video di sintesi dalla precedente edizione:

 

Cos’è A Scuola di Open Coesione? 

A Scuola di OpenCoesione (ASOC) è un percorso innovativo di didattica interdisciplinare rivolto alle scuole secondarie di ogni tipo. Il primo ciclo di sperimentazione si è svolto nell’anno 2013/2014 in 7 istituti di istruzione secondaria situati su tutto il territorio nazionale. Per l’anno scolastico 2014/2015 il progetto ha coinvolto 86 scuole su tutto il territorio nazionale, per un totale di oltre 2.000 studenti e 90 insegnanti, con la collaborazione sul territorio di 30 Centri di informazione Europe Direct e oltre 50 Associazioni volontarie, selezionate come “Amici di A Scuola di OpenCoesione”.

I numeri di ASOC relativi all’anno scolastico 2015/2016, tuttora in corso, sono ancora più consistenti, a dimostrazione del grande successo dell’iniziativa: 120 classi o gruppi di classi su tutto il territorio nazionale, oltre 2.700 studenti e 220 docenti, 30 Centri Europe Direct e oltre 60 Associazioni “Amici di ASOC”.

Il percorso didattico di ASOC promuove principi di cittadinanza consapevole, sviluppando attività di monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici attraverso l’impiego di tecnologie di informazione e comunicazione e mediante l’uso dei dati in formato aperto (open data) per aiutare gli studenti a conoscere e comunicare in modo innovativo come le politiche di coesione, e quindi gli investimenti pubblici, intervengono nei luoghi dove vivono.

 

Cosa si impara con A Scuola di Open Coesione? 

ASOC unisce educazione civica, competenze digitali, statistiche e data journalism, nonché competenze trasversali quali sviluppo di senso critico, problem-solving, lavoro di gruppo e abilità interpersonali e comunicative, per produrre narrative d’impatto a partire dai dati sugli interventi finanziati dalle politiche di coesione (disponibili sul portale www.opencoesione.gov.it) che si integrano con i contenuti delle materie ordinarie di studio. I gruppi di studenti partecipanti sono coinvolti in molteplici attività, che implicano l’apprendimento e l’impiego di tecniche di ricerca quantitativa e qualitativa sul proprio territorio, la produzione e l’analisi di dati e relative visualizzazioni interattive, l’uso di forme di comunicazione innovativa e la consapevolezza di norme, regole e modalità tecniche di pubblicazione dei risultati del proprio progetto in diverse forme cross-mediali, tra cui il blog del percorso ASOC. Le attività previste dal percorso sono a carattere misto, combinando modalità asincrone tipiche dei MOOC (massive online open courses), momenti di facilitazione online con mentor e tutor di classe, passeggiate di monitoraggio civico anche utilizzando la innovativa piattaforma Monithon e partecipando ad incontri pubblici ed eventi tematici, come gli Open Data Days. Attraverso le attività, i ragazzi producono contenuti multimediali (anche utilizzando video, foto, testo scritto, etc.) sul loro territorio e su uno o più interventi finanziati dalla politiche di coesione; contribuiscono con report a raccontare le loro osservazioni e diffondere i dati che hanno raccolto sulla piattaforma Monithon.it e, tramite tecniche di storytelling, visualizzazione e comunicazione innovativa, raccontano storie di sviluppo territoriale.

 

Come funziona il percorso? 

  • 7 ore di formazione online  dedicata ai docenti, ai referenti delle Associazioni e ai referenti Europe Direct, attraverso l’erogazione di 7 webinar della durata di 1 ora ciascuno;
  • 5 tappe in classe: almeno 5 incontri in classe di circa 3 ore ciascuno per lo sviluppo del progetto e lo svolgimento di alcune attività didattiche e progettuali ad esso correlate; ogni tappa è intervallata da un mese per lo svolgimento del lavoro indipendente;
  • 20 ore di lavoro indipendente e/o di gruppo extra classe: una parte delle attività didattiche e progettuali sono svolte in autonomia dagli studenti singolarmente o in gruppo, durante o fuori l’orario scolastico. È incentivata l’organizzazione di momenti di gruppo a scuola in orario extra-scolastico, supportata da interazione online con il team ASOC;
  • 1 esplorazione di monitoraggio (Monithon) sul territorio per raccogliere ulteriori dati e approfondire i temi della ricerca mediante l’applicazione delle tecniche apprese e per contribuire a uno o più report sulla piattaforma Monithon.it;
  • 2 eventi pubblici: partecipazione a un Open Data Day e a un evento finale per la presentazione dei risultati del proprio progetto alle istituzioni e alla comunità locale).

 

Obiettivi didattici in sintesi:

  • Comprendere e promuovere principi di cittadinanza consapevole
  • Praticare il monitoraggio civico
  • Apprendere e applicare metodi e tecniche del data journalism
  • Sviluppare competenze statistiche
  • Sviluppare competenze digitali, con particolare riferimento all’utilizzo di open data
  • Apprendere norme, regole e modalità tecniche di pubblicazione di contenuti cross-mediali
  • Apprendere e applicare tecniche di storytelling e comunicazione innovativa
  • Sviluppare “soft skills” (competenze trasversali) quali lavoro progettuale, lavoro di gruppo, senso critico, problem-solving
  • Comprendere e praticare metodi avanzati di raccolta informazioni (social research methods)

infografica-new

Le lezioni:

  • Progettare: imparare in cosa consiste il monitoraggio civico, scegliere sul portale OpenCoesione un progetto da monitorare, interrogarsi su quali problematiche del proprio territorio il progetto vuole intervenire, formare il gruppo di lavoro in classe e dividersi in ruoli
  • Approfondire: cercare altre informazioni sul progetto scelto, ricostruire le decisioni pubbliche che hanno determinato il progetto, individuare i soggetti pubblici e privati coinvolti nella sua realizzazione.
  • Analizzare: imparare tecniche di ricerca quantitativa e qualitativa, capire cosa sono gli open data e cercare dati inerenti al tema scelto, costruire un indicatore con i dati trovati, capire il workflow del data journalism. Per questa lezione le classi coinvolte sono inoltre invitate a coinvolgere un esperto di open data del loro territorio anche durante l’evento International Open Data Day che si svolge a livello internazionale nel mese di Febbraio.
  • Esplorare: Esplorare sul campo lo stato di avanzamento del progetto scelto tramite una visita di monitoraggio interviste, incontri con le istituzioni, e la scrittura di un rapporto dettagliato anche utilizzando la piattaforma di monitoraggio civico Monithon.it.
  • Raccontare: Approfondire tecniche di comunicazione, progettare e realizzare una campagna di sensibilizzazione e coinvolgimento per illustrare i risultati del monitoraggio civico. Organizzare un evento pubblico e coinvolgere la comunità di riferimento per continuare il monitoraggio sul progetto scelto.

 

Per scrivere questa pagina ci siamo avvalsi di molti dei contenuti presenti all’indirizzo www.ascuoladiopencoesione.it.

Stefano Leucci

Stefano Leucci

Nato ad Asti nel 1987 e attualmente ricercatore in informatica giuridica presso l'Università di Trento. Mi è bastato un anno fuori da Asti per guardarla da lontano e sentire la necessità di valorizzarne le sue bellezze in una dimensione europea. L'avventura in weLand mi permette di trovare un contesto in cui far ritornare a casa le mie idee, costruendo un nuovo "territorio digitale". Asti ha solo bisogno di essere risvegliata da un sonno profondo. La migliore sveglia è la buona volontà delle persone e la loro energia portata a bene comune.

Altri post dello stesso autore - Website


TwitterFacebookPinterest



Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>