Menù di navigazione+

Auguri per questo 2015



Scritto da Stefano Leucci il 31 dicembre 2014
Categoria #MonferratoDigitale Riflessioni Voci e interviste | Tags: , | nessun commento


auguri

E’ stato un anno incredibile, qui a weLand.

Abbiamo dimostrato che possiamo fare tanto solo se lavoriamo insieme: cerchiamo di abbattere i personalismi per esaltare il concetto della rete, non solo virtuale.

Siamo partiti con il sito nuovo, e WikipediaVaAScuola@Asti, abbiamo continuato con WikiLovesAsti2014, Dalle colline d’Europa. Abbiamo aperto nuove collaborazioni con Carlotta e Simone di Popolè, con Paolo e con la sua rubrica Contenitori di Vita. Abbiamo supportato il Diavolo Rosso e pubblicato nuovi Diari di Viaggio e weLandmarks. Abbiamo chiuso con l’avvio di #AstiDigitale e la premiazione di WikiLovesAsti.

E proprio in quest’ultimo 27 dicembre, ovviamente al Diavolo Rosso, abbiamo percepito l’enorme valore del nostro gruppo: una delle serate più belle di sempre con tutte le persone che arricchiscono quotidianamente la nostra rete.

 

10868011_458117374336508_5798786853622721734_n

 

 

A tutti noi vogliamo dedicare questa canzone: un nostro piccolo augurio per l’anno che verrà.

Questo “Caro amico ti scrivo” è dunque rivolto a noi stessi: una lettera che vogliamo riprendere tra un anno per contare e valutare i risultati di questo difficile percorso.

Proviamo a leggere questa canzone con pensiero innovativo: possiamo cambiare tutto, e questo è il momento di muoverci. Quantomeno, di provarci. L’approccio dev’essere collaborativo: dobbiamo aiutare e coinvolgere tutti gli attori che in città già sono impegnati sui temi che ci stanno a cuore, dobbiamo diventare crocevia di tante esperienze in giro per il mondo che riportiamo a casa ogni volta che ci riabbracciamo al Diavolo Rosso.

Comunque, “senza grandi disturbi qualcuno sparirà, saranno forse i troppo furbi e i cretini di ogni età“: ma questa è la forza dell’innovazione.

Il nostro migliore augurio è di lasciare nel 2014 tutto il negativo e la disillusione che ci ha convinto troppo spesso che “tanto non c’è più niente da fare e di continuare a lavorare per trasformare questi sentimenti opprimenti in virtù e ispirazione.

Grazie a tutti noi.

 

Ma la televisione ha detto che il nuovo anno
porterà una trasformazione
e tutti quanti stiamo già aspettando
sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno,
ogni Cristo scenderà dalla croce
anche gli uccelli faranno ritorno.

Ci sarà da mangiare e luce tutto l’anno,
anche i muti potranno parlare
mentre i sordi già lo fanno.

E si farà l’amore ognuno come gli va,
anche i preti potranno sposarsi
ma soltanto a una certa età,
e senza grandi disturbi qualcuno sparirà,
saranno forse i troppo furbi
e i cretini di ogni età.

Vedi caro amico cosa ti scrivo e ti dico
e come sono contento
di essere qui in questo momento,
vedi, vedi, vedi, vedi,
vedi caro amico cosa si deve inventare
per poter riderci sopra,
per continuare a sperare.

E se quest’anno poi passasse in un istante,
vedi amico mio
come diventa importante
che in questo istante ci sia anch’io.

L’anno che sta arrivando tra un anno passerà
io mi sto preparando, è questa la novità.

Stefano Leucci

Stefano Leucci

Nato ad Asti nel 1987 e attualmente ricercatore in informatica giuridica presso l'Università di Trento. Mi è bastato un anno fuori da Asti per guardarla da lontano e sentire la necessità di valorizzarne le sue bellezze in una dimensione europea. L'avventura in weLand mi permette di trovare un contesto in cui far ritornare a casa le mie idee, costruendo un nuovo "territorio digitale". Asti ha solo bisogno di essere risvegliata da un sonno profondo. La migliore sveglia è la buona volontà delle persone e la loro energia portata a bene comune.

Altri post dello stesso autore - Website


TwitterFacebookPinterest



Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>